Blog: http://oblomov.ilcannocchiale.it

Tempi di sauna

Tornare a Catania dopo la permanenza a Kaiserslautern fa notare alcune cose. Ad esempio lo sciopero dei netturbini e le montagne di spazzatura attorno e sopra i cassonetti; e siccome la sera ci sono i venditori di caldarroste che fanno tanto di quel fumo che pare di essere nella nebbia, abbiamo la nebbia agl'irti colli.

Poi c'è ovviamente la gestione più libera del tempo, per cui mi sveglio con calma, vado in dipartimento ad orari variabili e non tutti i giorni, ma abbastanza da fare cose, dalle rifiniture ai file di stile per la rivista di dipartimento a spedire gli articoli da pubblicare, e vedere gente (non il mio relatore che è a Barcelona).

Ovviamente la maggiore differenza sta nella temperatura, e soprattutto in questi ultimi due giorni in cui la temperatura fuori è un po' salita a volte sembra quasi che dentro faccia più freddo di fuori. Non so se è solo perché qui da noi gli ambienti non sono riscaldati come lì (quando sono riscaldati, che non è il caso di casa mia, in condominio con riscaldamento centralizzato per il quale —se va bene— dovremo aspettare almeno i primi di dicembre), o anche perché fuori cammino molto, spesso a passo più spedito che non in Germania.

In effetti, quando lunedì ho cominciato la palestra, ho fatto avanti e indietro da casa alla Cittadella tante di quelle volte che quando sono uscito dalla palestra ero meno sudato di quando sono entrato, tant'è che sono rimasto con la maglietta e la tuta addosso, perché la canotta e la camicia con cui ero venuto erano messe molto peggio —situazione che continua a ripetersi con fastidiosa frequenza: devo trovare una migliore combinazione di vestiti per proteggermi dal freddo senza fare la sauna ogni volta che marcio.

Pubblicato il 22/11/2007 alle 12.9 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web