Blog: http://oblomov.ilcannocchiale.it

Gambetto Guzzanti

La genialata dell'attacco mosso ieri da Sabrina Guzzanti al ministro delle pari opportunità Mara Carfagna è che, se la Carfagna porgerà querela, le famose intercettazioni che Berlusconi vuole far distruggere a tutti i costi diventerebbero atti essenziali per il processo di querela, e dovrebbero venir rese pubbliche.

Ma poi: è evidente che al popolo italiano la vita privata dei personaggi politici faccia molto gola; voglio dire, non so se Novella 2000 sia ancora il punto di riferimento del gossip da parrucchiere o Chi abbia preso il suo posto. Ed è altrettanto vero che per quanto possa essere immonda e fangosa, contraria a quei principî etici e morali in teoria tramandatici da quella tradizione cristiana che secondo quegli stessi esponenti politici forma l'ossatura dell'Europa, la gente non va oltre lo scandalo verbale e continua a tenerli in palmo di mano.

Ed allora perché tanta preoccupazione nella compagine del “cavaliere” per l'eventuale pubblicazione delle intercettazioni? Non è che la gente li consideri meno paladini della famiglia, nonostante una buona fetta dei loro rappresentanti più in vista (non stranamente, soprattutto i più vocali nell'affermare e difendere a parole i suddetti valori cristiani) siano notoriamente pluridivorziati, puttanieri e pompinare.

Vien quasi da pensare che il Popolo della Libertà sorvoli allegramente sul fatto che la vera libertà si ha quando si accettano le conseguenze delle proprie azioni, non quando all'aver fatto quel che ci pare si fa seguire una battaglia contro chi vuole che si sappia ciò che è stato fatto, e che si agisca di conseguenza

Pubblicato il 9/7/2008 alle 9.56 nella rubrica Intermezzi.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web